Parte1

Serietà

La serietà prima di tutto. Le promesse di felicità ai nostri giorni sono la cosa più temuta, ci si chiede subito quando arriverà la “mazzata”! Quindi, poche chiacchiere e la possibilità di constatare rapidamente di cosa stiamo parlando. Il nostro approccio è “proviamo e vediamo”, perché sappiamo cosa nasce tra le persone che partecipano. Non promettiamo ricette magiche per trovare un lavoro o per non fare la fila all’ASL, promettiamo che stabilendo il giusto rapporto tra le persone tutti avranno un lavoro e nessuno farà la fila all’ASL!

Parte2

Immediatezza



Ovunque ci sia un gruppo di persone che condividono obiettivi o problematiche da risolvere è possibile instaurare già con un primo incontro un clima diverso ed un dialogo costruttivo che consenta di esaminare con positività e concretezza anche gli argomenti più complessi dal punto di vista relazionale.

Parte5

Origini


L'Approccio Circolare affonda le sue radici teoriche in una complessa rete di conoscenze scientifiche (dalla psicologia umanistica alle teorie sistemiche e cibernetiche, dalla psicologia dei gruppi alla teoria dell’attaccamento, dalla psicologia della felicità alle neuroscienze) che convergono nel'indicare la “relazione” come elemento irrinunciabile per lo sviluppo e il benessere dell’individuo e il “gruppo” come qualcosa che va oltre ad un semplice insieme di persone e che, se vissuto consapevolmente, può divenire strumento per la realizzazione delle proprie ambizioni personali e garantire il successo di tutti.

Parte6

Che strumenti offriamo


Utilizziamo strumenti psico-socio-pedagogici che consentano di formare i singoli alla partecipazione positiva all'interno di un gruppo/organizzazione. Strumenti noti (Attività d’aula, Focus Group, Circle Time, Coaching) ma con un obiettivo innovativo: l’equilibrio che si raggiunge non è solo un mezzo, ma lo stato costante da mantenere per cominciare ad affrontare le problematiche in modo costruttivo. Questo obiettivo è ottenuto mettendo al centro di ogni attività l’attenzione agli aspetti relazionali (Principio della “connessione di gruppo” ) piuttosto che ai risultati.

Parte9

A chi ci rivolgiamo e con quali obiettivi

A qualsiasi organizzazione che voglia ottimizzare le dinamiche relazionali secondo la nostra vision . Scuole, famiglie, comunità locali, aziende, associazioni, professionisti che operano nel sociale.

Le comunità locali

Nelle Comunità Locali è necessario ricostruire il rapporto tra cittadini ed istituzioni, occorre ripristinare la partecipazione diffusa alla “cosa pubblica”. I cittadini hanno bisogno di vedere gli amministratori locali come persone che si prendono cura di loro e, gli amministratori, hanno bisogno della partecipazione dei cittadini per attuare programmi sociali, culturali e di crescita economica.

Parte10

Le comunità locali


Le esperienze svolte con le Tavole Rotonde nelle piazze di alcune città ci hanno sorpreso per la loro capacità di fare incontrare il sindaco con la casalinga, l’insegnante con il “buttafuori” della discoteca, il ragazzo con l’artigiano e creare nuovi rapporti ed amicizie tra persone che mesi e mesi dopo l’evento continuano ad incontrarsi e ad avviare attività allargate a tutta le cittadinanza.

Parte19

Le aziende


La realtà aziendale italiana oggi è fatta di una miriade di attività medio-piccole che devono fare i conti con cali di fatturato drammatici e si trovano a dover decidere se traferire i capitali privati nell'attività o licenziare i dipendenti e mettere in difficoltà intere famiglie. Ottimizzare i costi, massimizzare la produttività e condividere il peso dei mancati introiti è un “must” e con il nostro Approccio applicato al mondo del lavoro proponiamo una formazione che permetta di creare le condizioni necessarie per avviare questi processi in un clima sereno e duraturo promuovendo il benessere organizzativo e una leadership democratica e partecipata.

Parte11

Le scuole


La Scuola racchiude in sé una profonda potenzialità di cambiamento. Gli insegnati, in veste di educatori, ricoprono una posizione speciale nella nostra società e possono essere dei veri “condottieri” alla guida della nuova generazione. Il nostro Approccio vuole rendere concreta questa potenzialità e propone di sperimentare diversi metodi educativi, fra i quali i giochi di connessione, le discussioni circolari, i giochi di ruolo, le escursioni, ecc., tutti basati su un principio centrale da noi chiamato “connessione di gruppo”. Consapevoli che l’apprendimento è influenzato dal modo in cui i contenuti vengono acquisiti, pensiamo, infatti, che sia fondamentale promuovere una cultura scolastica che permetta agli studenti di esprimere la loro unicità e di sperimentare processi di apprendimento significativi all’interno del “gruppo classe”.

Parte12

Le scuole

La vita nella scuola diverrà, così, una simulazione della vita che gli alunni, ormai cresciuti, dovranno condurre nella società globale ed interconnessa: il clima di classe si rilassa, l’attenzione aumenta, la violenza fra i ragazzi diminuisce, il rendimento cresce. Per questo il Movimento NOI lavora con il team dei Docenti e dei Dirigenti Scolastici ai quali propone una formazione straordinaria in cui possano sperimentare in pratica la “connessione di gruppo” attraverso un’esperienza emotiva individuale e condivisa che facilita i partecipanti ad “agire nella scuola” come se fossero un corpo unico. Il processo formativo si espande a cascata: prima il gruppo degli insegnati/dirigenti interiorizza l’essenza dell’Approccio Circolare per poi passarlo al gruppo degli studenti che a loro volta diventano ambasciatori di questi valori nelle loro case.

 

conoscicicorsiL'approccioChi siamo

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinMixxRSS FeedPinterest
Inserisci la tua e-mail per ricevere la nostra newsletter!
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho preso visione della nota informativa. Do il consenso al trattamento dei dati

NOI BLOG - PEOPLE CONNECTING

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Cookies, impiegati per il funzionamento base del sito, sono già stati impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information