Smontiamolo ed assembliamolo: se descrivessimo la società globale come un software per computer, dovremo "riprogrammarlo" in modo che la connessione tra le sue parti sia intenzionalmente di trasmissione-donazione-condivisione

Questo inizio è condizionato dall’obbligo di indossare la mascherina in aula e dal distanziamento in quanto esiste ancora la possibilità di contagio da coronavirus. Le famiglie sono confuse e insicure per la salute e la preparazione e culturale dei figli.

Così è anche l'America. Ha avuto inizio come grande nazione, ha passato anni belli e fruttuosi. Il dolce sogno americano, dove uomini onesti e volenterosi sono andati avanti. Poi l'America ha raggiunto il suo apice.

In natura esiste una forza positiva che può aiutarci a bilanciare il potere negativo dell’egoismo. Se le due forze saranno in equilibrio non potremo ferire e danneggiare nessuno, tanto meno bambini e adulti indifesi. Ciò richiede un'educazione per tutti, da zero a cento anni, una formazione continua per apprendere come ricevere la forza positiva e il potere della connessione. Come avvicinarci gli uni agli altri senza ferirci.

Come la natura è rotonda e integra, così non esiste vittoria se non è di tutti e per tutti. La competizione deve essere una gara comune, con una forte motivazione di reciprocità, di apprensione e di cura, con la piena consapevolezza che “solo insieme” è la cura.