Italy
noi@noi-insieme.it

Tag: distanti ma uniti

Il Momento delle Donne

Mentre il mondo si sveglia in una nuova realtà, è diventato sempre più evidente ed urgente il ruolo indispensabile delle donne nel rimettere insieme i cocci e ricostruire la società.
Il COVID-19, ci ha mostrato questa realtà con maggiore chiarezza, a partire dall’ambiente più intimo ed essenziale che conosciamo: la nostra casa.
Come risultato dell’obbligo di restare a casa, abbiamo riscoperto che la figura femminile in famiglia, è la più importante e la più influente. Dalla casa, la stessa importanza si diffonde in ogni campo della vita, dove c’è un coinvolgimento femminile.
Quella forza trainante delle donne, che non ha paragoni, è proprio ciò di cui il mondo ha bisogno ora, per iniziare la ripresa dalla pandemia.

I cambiamenti nel posto di lavoro cambieranno le nostre relazioni

La vita non sarà più la stessa dopo la pandemia del coronavirus. Questo è un eufemismo, ma il processo di guarigione come potrebbe migliorare le relazioni interpersonali e le nostre prospettive di vita? Lavorare da casa, essere fisicamente separati dagli altri colleghi, ma passare più tempo con la famiglia ci ha costretti a rivalutare gli obiettivi personali in generale. Possiamo uscire dalla crisi più forti, se riconsideriamo le nostre priorità e ci rendiamo conto dei potenziali benefici della nuova realtà.

Cambiare, per far ripartire l’economia

Si dibatte in tutto il mondo su come e in che misura i paesi dovrebbero riaprire le attività commerciali per prevenire il completo collasso. Ripartire senza prima occuparsi della causa dell’epidemia da coronavirus, probabilmente avrà conseguenze molto più gravi dell’attuale pandemia.

Vecchia routine, nuova routine

C’è un aspetto positivo nel ritorno alla normalità? Il coronavirus ha fatto da spartiacque tra passato e presente, tra vecchio mondo e nuovo mondo.

Nuovo respiro globale

Fino a poco tempo fa leggevamo le notizie sulle principali testate giornalistiche che riportavano fatti accaduti contemporaneamente in diverse parti del mondo, ad esempio un incidente ferroviario

Non guardarti indietro: il nuovo mondo è alle porte

Ritorno alla normalità? È un’illusione. Le nuove disposizioni stanno entrando in vigore in maniera graduale, e tutti noi dovremmo fermarci a pensare: la realtà cambia e si rinnova

Ciò che era non è quello che sarà

Ci è stato tolto un peso dal cuore, il colore è tornato nelle nostre vite, un nuovo spazio si è aperto davanti a noi. Uscire dalla quarantena ci riempie di gioia e tornare alla routine ci riempie di vita.

Il virus delle divergenze

L’avevamo già sentito e sapevamo che la crisi sarebbe arrivata. Ma ciò che sorprende è il modo in cui è apparsa. Nessuno prevedeva che questo nuovo e occulto nemico avrebbe colpito e scosso il mondo. Succede sempre così quando qualcosa proviene dalle forze della Natura, molto spesso al di là dell’immaginazione umana

Il paese dell’epidemia: natura e soluzione

“Guardo fuori dalla finestra di casa, dove sono in quarantena da settimane, e vedo che viene rimosso il corpo di un vicino, deceduto da Coronavirus”. Questo accade nel nostro paese. Il tasso di mortalità in Italia è molto più alto che in altri paesi. La paura della morte satura l’aria e i cittadini desolati non sanno come fronteggiare la lunga permanenza nelle case, non vedono la luce alla fine del tunnel.

Amare come la natura

L’uomo, per principio, dovrebbe essere all’apice della natura, la punta della creazione e il cuore della sua saggezza. Noi invece distruggiamo la terra. I naturalisti e gli esperti di ecologia hanno assolutamente ragione quando sostengono che non dovremmo estrarre petrolio e consumare le risorse rimaste, che non dovremmo bruciare materiali sintetici e sradicare dall’abbraccio della terra gli alberi nelle foreste.